MOBIUS GRID

The Most Advanced Grid Generator

A Versatile Grid System

Mobius Grid Generator allows you to deeply customize the grid layout. The possibilities are really unlimited… A dedicated reorder plugin was created in order to facilitate the element order/size in the grid.

  • 4 different sizes
  • 2 different styles for portfolio and blog
  • Adjustable gutter width
  • Grid layout and Masonry Layout
  • Horizontal/Vertical layout grid
  • Custom Number of element in the grid
  • Custom reorder of each element
  • One page setting for all elements
  • Ajax or pagination grid system
  • Ajustable aspect ratio of element
  • Touch device compatibility
  • Multi instance

Different Styles

Photo Shooting

19/04/2015

 9

Photo Lab

19/04/2015

 4

HSL Swatches

19/04/2015

 4

PhotoLab – HSL

19/04/2014

 5

HSL – Swatches

19/04/2014

 2

Custom Aspect Ratio

Vendita e digitale: cosa cambia per Retailer e GDO

15/02/2017
Il canale Retail si occupa della vendita al dettaglio di diverse tipologie di beni e riveste un ruolo molto importante nel ciclo di vita del prodotto. Rappresenta l’ultimo anello della catena di distribuzione delle merci e determina le modalità attraverso le quali i prodotti vengono presentati al consumatore finale. Nel tempo queste modalità sono variate e si sono moltiplicate, rendendo necessario individuare nuovi mezzi e strumenti di comunicazione e vendita, per meglio adattarsi alle emergenti esigenze di mercato. Nuovi canali e touchpoints Solo quindici anni fa il negozio fisico era l’unico luogo deputato alla conclusione di una vendita. Oggi al contrario è necessario essere presenti su molteplici media e mezzi e utilizzare per ogni canale di vendita i contenuti e gli strumenti più adatti alle sue caratteristiche specifiche. Ogni retailer possiede un proprio DNA che lo caratterizza e lo differenzia dalla concorrenza: c’è chi privilegia la presenza sul territorio con negozi, chi con grandi superfici di vendita, chi si costruisce una presenza online e chi invece decide di sfruttare canali di vendita a domicilio. A prescindere dalle scelte strategiche e dalla struttura organizzativa prescelta, tuttavia, è ormai innegabile che se da un lato, ogni canale richiede strumenti e toni di comunicazione specifici dall’altro lato, continuano a essere numerose le interconnessioni riguardanti il tipo di asset digitali, dati e informazioni di prodotto utilizzati. Identificarle e supportarle permette alle organizzazioni di ridurre i tempi e i costi legati alle attività di promozione e vendita. Il ruolo centrale delle informazioni per la vendita Per aumentare il tasso di acquisto, è importante che Retailer e GDO possano comunicare e promuovere i prodotti in maniera efficace. Ne consegue che nelle strategie di vendita la disponibilità delle informazioni di prodotto assume un ruolo importante quanto la merce stessa. La scelta strategica su come presentarsi ai propri clienti non può prescindere da un’analisi approfondita di quali siano gli asset di comunicazione a propria disposizione, quali siano da creare o recuperare e quali, eventualmente, ridondanti e da eliminare. La capacità del Retailer di raccogliere, aggiornare, organizzare e rendere le informazioni di prodotto disponibili nella maniera più rapida e adeguata possibile diventa, quindi, un requisito fondamentale per permettere ai diversi ruoli coinvolti di rispondere alle richieste di un mercato in continuo cambiamento e sempre più esigente. Trasformare informazioni e asset digitali di prodotto in materiali di comunicazione corretti e adeguati – e farlo velocemente! – è essenziale per la buona riuscita di ogni iniziativa promozionale. Hyphen-Italia da anni opera nel Retail aiutando le aziende a rendere più efficaci ed efficienti le loro strategie di comunicazione e vendita, ottimizzando processi e procedure. Hyphen-Italia offre servizi di consulenza e sviluppa gli strumenti tecnologici adatti a tradurre operativamente il risultato delle analisi effettuate presso i clienti e a supportare con successo il percorso di miglioramento delineato. About Hyphen-Italia Affianchiamo le organizzazioni nel cammino verso la digitalizzazione aziendale. Siamo convinti che le tecnologie siano solo uno strumento necessario ma non sufficiente per realizzare progetti di reale valore per il cliente. I nostri interventi

Hyphen-Italia @ E-Commerce Netcomm Forum 2017

24/04/2017
Il prossimo 10 e 11 maggio Hyphen-Italia parteciperà alla dodicesima edizione dell’E-Commerce Netcomm Forum, l’evento di riferimento a livello italiano sul mercato dell’e-commerce, che si terrà al MiCo – Milano Congressi. Con oltre 150 espositori e numerosi interventi di speaker di rilievo, ogni anno l’E-Commerce Netcomm Forum è un importante appuntamento per parlare delle ultime novità legate al Digital Retail e allo shopping online. Venite a trovarci allo stand B29 per scoprire il nostro approccio e i nostri prodotti dedicati alla gestione dei processi editoriali di prodotto e di brand necessari per alimentare i sistemi di commercio elettronico B2C e B2B. Al nostro open bar vi presenteremo i servizi offerti dalle soluzioni HSL e Chalco.net, già scelte da numerose aziende e Brand nel settore Fashion, Luxury, Industry e Retail per gestire in maniera più efficiente il processo di shooting e costruire il Product Marketing Master Data, dalla creazione e acquisizione delle immagini e delle informazioni di prodotto fino all’adattamento e delivery sulle diverse piattaforme di vendita online. L’evento sarà anche l’occasione per mostrare a tutte le persone interessate una demo pratica di HILP (Hyphen Interactive Live Photos), l’ultimo set nato in casa HSL per permettere anche la rappresentazione animata e interattiva del prodotto, e confrontarci sulle sue potenzialità e sui benefici che può avere sull’esperienza utente. Non potete mancare! Per avere maggiori informazioni o per richiedere degli accrediti*, scriveteci a marketing@hyphen-italia.com! *Abbiamo un numero limitato di accrediti. Le richieste saranno prese in considerazione fino a esaurimento dei ticket disponibili.

Hyphen-UK @ RBTE 2017

26/04/2017
Incontra il team di Hyphen-UK al Retail Business Technology Expo 2017! L’8 e il 9 maggio avrà luogo a Londra il Retail Business Technology Expo (RBTE), uno dei maggiori eventi europei dedicati ai Retailer. Dalla supply chain fino al consumatore, l’RBTE è il posto giusto in cui scoprire le ultime soluzioni sul mercato e incontrare fornitori e venditori. Quest’anno anche Hyphen-UK sarà presente per presentare il nostro approccio e le nostre soluzioni! Saremo felici di ospitare nel nostro stand i partecipanti all’evento per confrontarci su quali sono le nuove sfide del settore e fornire informazioni di prima mano sulle più recenti tecnologie e best practises a disposizione del retailer. Affianchiamo le aziende nell’analisi dei processi e l’identificazione dei problemi interni all’organizzazione, disegnando soluzioni su misura per gestire la digital supply chain. Sviluppiamo progetti strategici e strumenti tecnologici che aiutano le aziende a: Gestire la creazione e produzione di cataloghi, volantini e brochure; Supportare l’e-procurement, la produzione e il delivery dei materiali POP (cartellini prezzo, materiali di trade marketing, contenuti promozionali); Creazione e gestione dei contenuti digitali, adattamento e delivery multipiattaforma (e-commerce, website, marketplace). Venite a trovarci al nostro stand per scoprire cosa possiamo fare per voi!

Libro ingredienti e allergeni: Da problema a opportunità di marketing

03/05/2017
La comunicazione legata ai prodotti alimentari sta evolvendo per vari motivi legati alla maggiore incidenza di intolleranze ed allergie rispetto al passato e all’adesione a stili di vita più salutari che hanno aumentato l’attenzione su come i cibi arrivano sulle nostre tavole. Alle necessità dei consumatori si aggiungono una serie di requisiti di legge che hanno reso necessario comunicare correttamente gli ingredienti e gli allergeni dei prodotti freschi e di gastronomia. Un obbligo che il più delle volte è assolto da aziende produttrici e retailer con fatica ed è quasi sempre percepito come un peso burocratico che non aggiunge valore alla comunicazione con il cliente. Anche le informazioni hanno una data di scadenza! La creazione delle liste ingredienti e allergeni, in effetti, può rivelarsi un grattacapo per molti punti vendita… Non soltanto gli assortimenti variano abbastanza di frequente, ma anche le ricette e le composizioni alimentari al banco gastronomia possono cambiare velocemente e improvvisamente, lanciando una vera sfida a chi deve mantenere aggiornato il libro ingredienti. Di conseguenza, senza la chiara definizione di procedure di aggiornamento e rilascio delle informazioni diventa complesso e dispendioso comunicare tali variazioni al punto vendita e produrre i nuovi materiali, andando incontro al rischio di ricevere sanzioni e di non fornire un servizio adeguato ai consumatori. Non si può non citare, infine, anche il problema legato al fatto che spesso l’aggiornamento di tali informazioni è lasciato a carico del personale di vendita, aggiungendosi al già gravoso elenco delle quotidiane attività operative. Un nuovo punto di vista Per semplificare tutte queste procedure e far sì che siano percepite per il loro reale valore, c’è bisogno di un cambio di prospettiva che trasformi un obbligo di legge in un’opportunità di comunicazione e marketing. A questo scopo è necessario pensare a un modo innovativo di trattare i contenuti di prodotto, che sia in grado di semplificare il modo in cui essi vengono conservati, organizzati e riutilizzati per i diversi mezzi e media di comunicazione e vendita, di cui il libro ingredienti e allergeni non è altro che un ulteriore canale di output. Attraverso un approccio non convenzionale alla gestione delle informazioni e alla costruzione dell’Identità Digitale di Prodotto, produttori e retailer diventano padroni degli asset digitali e delle informazioni dei loro prodotti. Solo a quel punto saranno liberi di selezionare con pochi clic quelle più adeguate e corrette per rispettare i termini di legge e, contemporaneamente, creare messaggi che colpiscano o sorprendano il consumatore durante la sua presenza sul punto vendita. Hyphen-Italia offre il proprio supporto consulenziale e tecnologico per la definizione dei processi di digitalizzazione dei contenuti di Brand e di prodotto, agevolando i flussi informativi e migliorando i processi editoriali per ottimizzarne costi e tempi di produzione e delivery in negozio. Il punto vendita del futuro è già dietro l’angolo L’e-commerce ha insegnato ai retailers l’importanza del content marketing per attrarre il proprio target e influenzare la vendita. Queste strategie possono essere usate anche offline, con il grande vantaggio che in negozio i consumatori possono anche

Pensiero innovativo: metodo, talento e tecnologia al Galileo Festival dell’Innovazione

16/05/2017
Da giovedì 11 a sabato 13 maggio si è tenuta a Padova la V Edizione del Galileo Festival dell’Innovazione, una manifestazione internazionale durante la quale imprenditori e professionisti si incontrano per raccontare le loro esperienze di innovazione nel campo dell’impresa e dei servizi. Venerdì 12 maggio anche Stefano Righetti (amministratore delegato di Hyphen-Italia) ha partecipato insieme a Patrizio Bof (fondatore e presidente di Infinite Area) e Domenico Lepore (founder di Intellingent Management) a un incontro dal titolo Pensiero innovativo: metodo, talento e tecnologia, promosso da Adacta Innovation L@b e moderato da Paolo Boschini (responsabile di Adacta Innovation L@b). L’intervento di Stefano Righetti si è sviluppato su tre tematiche in particolare, di cui potete leggere di seguito una trascrizione. Quali sono i vantaggi e le sfide della digitalizzazione ? Prima di intraprendere con la propria impresa un processo di digitalizzazione è necessario valutare attentamente i vantaggi e le sfide collegate. I vantaggi sono traducibili in due concetti: accessibilità e opportunità. Dal punto vista commerciale, per esempio, la digitalizzazione consente di raggiungere target, mercati e nicchie impensabili con mezzi tradizionali, permettendo anche a piccole realtà di eccellenza di emergere. Nel mondo del R&D di prodotto e dei servizi, invece, la digitalizzazione rende disponibili informazioni, tecnologie e supporti che permettono velocità di realizzazione e standard qualitativi inaccessibili fino a qualche anno fa. L’accessibilità delocalizzata e senza confini offerta dal digitale, tuttavia, non deve indurre alla perdita di contatto con la materia, con la fisicità delle cose e delle relazioni dirette. Per quanto riguarda le sfide, di primaria importanza è lo sviluppo e l’aggregazione di capacità e competenze necessarie a disegnare nuove strutture organizzative, in grado di progettare nuovi prodotti e servizi che, attraverso l’uso di strumenti e mezzi digitali, permettano di porre realmente il cliente al centro in modo etico e rispettoso delle persone e dell’ambiente. Per questo la trasformazione digitale dovrà permettere la costruzione di nuove forme e dinamiche di comunicazione e relazione tra persone, servizi e organizzazioni. Il mercato del lavoro costituisce una seconda sfida: la trasformazione digitale richiede nuovi ruoli e competenze e ha portato, di fatto, alla nascita di molte nuove figure professionali con vari gradi di specializzazione. È importante per le organizzazioni – e costituisce un loro dovere sociale – compiere azioni e iniziative volte allo sviluppo, la trasformazione e la formazione di queste nuove competenze. Cosa intende per filiere reali e filiere digitali?  Se osserviamo, per esempio, un sistema di E-commerce B2B o B2C – come del resto qualsiasi altro servizio on-line di comunicazione, promozione e vendita – si scopre che il carburante per farlo funzionare sono i contenuti digitali di prodotto, editoriali e di brand, intendendo con “contenuti” tutto l’insieme di asset digitali (immagini, disegni, testi) che vanno a formare quella che nella nostra azienda chiamiamo Identità digitale di prodotto (e di brand). Sostanzialmente crediamo che ogni prodotto e servizio avrà sempre più la necessità di un “avatar digitale” da spedire sulla rete in relazione alle necessità di applicazione, contesto e canale. Prestando attenzione ai processi necessari per sviluppare questi contenuti –

Netcomm Forum 2017: l’e-Commerce in Italia cresce… e non dimentica l’offline

17/05/2017
Il 10 e l’11 maggio abbiamo partecipato al Netcomm Forum, l’evento italiano dedicato all’e-commerce B2B e B2C e alla digital transformation. Di fronte a una vasta platea Roberto Liscia (presidente di Netcomm) ha fatto il punto sui numeri e le tendenze del commercio elettronico. L’E-Commerce è un fenomeno in rapida ascesa che non accenna a fermarsi. Nel 2016 si è registrato a livello mondiale un aumento del 17% rispetto all’anno precedente e per il 2017 Netcomm prevede un incremento della vendita online in Italia su tassi di crescita in linea con quelli globali (+16%), con il Food&Grocery (+37%), l’Informatica &Elettronica (+26%) e l’Abbigliamento (+23%) ad attestarsi tra i maggiori settori di traino. Unified Commerce: il trend del futuro Liscia ha inoltre evidenziato come sia in atto «un cambiamento sistemico di acquisto e offerta che coinvolge alcuni fattori importanti del commercio elettronico». In seguito alla diffusione di smartphone, tablet e altri device, il digitale ormai permea sempre di più la vita delle persone. Sempre più frequentemente il consumatore si muove passando con disinvoltura tra fisico e digitale e non è raro, per esempio, che l’acquisto in negozio sia preceduto e supportato da servizi digitali utilizzati in mobilità o che l’acquisto online sia direttamente connesso a strategie di promozione sviluppate offline… Se E-Commerce è la parola del presente, dunque, nell’era dell’omnicanalità il futuro è rappresentato dallo Unified Commerce, «dove – come spiega Roberto Liscia – online e offline e i diversi device si mescolano in un nuovo ecosistema esperienziale». Hyphen-Italia, soluzioni per l’E-Commerce Le nuove modalità di rapporto e dialogo tra consumatori e brand richiedono un superamento della tradizionale suddivisione tra fisico e virtuale, tanto nelle strategie di comunicazione quanto nei modelli organizzativi. L’elevato livello di interazione tra i differenti touchpoint di comunicazione e vendita, infatti, si rispecchia nella necessità interna alle organizzazioni di gestire i punti di convergenza delle diverse aree, favorendo e orientando le conversazioni tra ruoli che fino a poco tempo fa venivano considerati molto distanti. È evidente che per far fronte a questa nuova realtà dotarsi di nuovi strumenti tecnologici è necessario, ma non sufficiente. Per questo Hyphen-Italia supporta le organizzazioni anche nella preliminare comprensione e progettazione di nuove procedure per la gestione integrata delle strategie di promozione e vendita omnicanale, per poi sviluppare i tools tecnologici più adatti a realizzare i contenuti di comunicazione in maniera semplice ed efficiente. Anche quando si sviluppa un progetto di E-Commerce non è più possibile ignorare che esso è parte integrante di una rete di canali fisici e digitali che dialogano tra loro. Solo così le organizzazioni possono sviluppare conversazioni con i clienti che si dipanano senza interruzioni lungo tutti i canali di comunicazione, regalando loro un’esperienza coerente, unitaria e una relazione con il Brand duratura nel tempo. Guarda la galleria fotografica su Facebook: About Hyphen-Italia Affianchiamo le organizzazioni nel cammino verso la digitalizzazione aziendale. Siamo convinti che le tecnologie siano solo uno strumento necessario ma non sufficiente per realizzare progetti di reale valore per il cliente. I nostri interventi nascono

Gestire i flussi di produzione del Packaging per strategie Private Label vincenti

30/05/2017
L’incidenza della marca privata tra i retailer italiani è in costante aumento. Rafforza l’immagine del brand, fidelizza la clientela e rappresenta, ormai, una fetta importante del fatturato sviluppato dai punti vendita. Nel 2016 la Private Label ha fatto salire al 18,5% il suo volume di affari nel Largo Consumo Organizzato, con le prime 4 insegne distributive attive in Italia (quelle che detengono il 70% del mercato nazionale delle private label) che si avvicinano ai numeri del resto d’Europa, dove la marca privata è arrivata a presidiare mediamente quasi il 30% del mercato. Private Label: Quando il Supermercato diventa Industria Ideare, produrre e gestire il prodotto a marchio richiede una serie di investimenti in grado di rispondere al bisogno di controllo della filiera di produzione, nel corso della quale la figura del distributore si sovrappone, di fatto, a quella del produttore. La scelta del fornitore, la sua certificazione, lo scambio documentale per l’attivazione del contratto di fornitura, la gestione delle informazioni di prodotto, la creatività legata alla produzione del packaging e il monitoraggio delle diverse fasi fino alla stampa dei materiali sono solo alcune delle attività necessarie per la gestione della Private Label. Ognuna di queste operazioni è gestita utilizzando differenti sistemi più o meno strutturati (dai gestionali dipartimentali fino a file compilati manualmente e scambiati in maniera non organizzata) ed è svolta da numerose funzioni aziendali e attori esterni che hanno la necessità di interagire tra loro in maniera semplice e coordinata. Vista la complessità e il numero delle persone in gioco, la prima necessità del retailer è proprio quella di analizzare e organizzare i flussi informativi e i processi editoriali, mettendo ordine tra ruoli, documenti e fonti, al fine di evitare un eccessivo consumo di tempo e dispersione di risorse. Gestire i flussi di produzione del Packaging I retailer continuano ad affinare le loro strategie per la gestione delle attività dedicate alla Private Label, con il packaging a rivestire l’importante compito di presentare il marchio ai consumatori in modo che susciti la stessa percezione di qualità e appetibilità dei tradizionali prodotti di marca. Hyphen-Italia offre un contributo di consulenza strategica per analizzare i processi coinvolti e comprendere quali siano le reali necessità legate alla gestione della Marca Privata e fornisce servizi e strumenti tecnologici specifici a supporto delle attività di creazione della grafica e produzione del packaging. Con le soluzioni offerte da Hyphen-Italia il retailer è in grado di acquisire e ordinare in unico ambiente i contenuti digitali relativi ai prodotti a marca privata provenienti da diverse fonti e di renderli disponibili ai vari attori coinvolti nella realizzazione dei materiali. Rimanendo sempre all’interno dello stesso sistema, il retailer può avviare e gestire tutti i cicli di modifica, approvazione, e-procurement e delivery dei materiali, godendo di una visibilità completa su tutte le operazioni. Anche le risorse interne e i collaboratori esterni coinvolti nei flussi di produzione del Packaging percepiranno subito i vantaggi dell’adozione di nuovi workflow e tools tecnologici. Il loro lavoro non sarà mai stato più ordinato, semplice e veloce,